Infertilità e Fertilità

Quando il varicocele ritorna

« Older   Newer »
 
.
  1.  
    .
    Avatar

    Group
    Administrator
    Posts
    1,831

    Status
    Anonymous

    Quando il varicocele ritorna

    SCRITTO DA DANIELE GIANFRILLI

    Cosa fare in caso di persistenza o ricomparsa del varicocele dopo l’intervento chirurgico


    La causa principale del varicocele recidivo è la presenza di vasi collaterali della vena spermatica interna che permangono o che successivamente all’intervento diventano a loro volta vasi dilatati, ectasici.

    Non tutte le varicocelectomie hanno dunque successo. Le recidive dopo un intervento per varicocele sono in realtà tra le complicanze più frequenti. Da studi clinici su grandi casistiche di pazienti, le percentuali di comparsa di recidiva possono riguardare fino al 35% dei casi già trattati. Questa grande variabilità dipende da molti fattori, come il grado e le caratteristiche del varicocele prima dell’intervento e soprattutto dalla tecnica usata (intervento chirurgico classico, in microchirurgia, in laparoscopia e intervento radiologico di scleroembolizzazione) e dall’esperienza dell’operatore, che riveste una grande rilevanza.

    È molto importante un corretto follow-up dopo l’intervento, che consiste principalmente nell’effettuare periodiche ecografie testicolari con colorDoppler e in base a questo e alla storia clinica anche altri accertamenti, come lo spermiogramma o i dosaggi degli ormoni sessuali, decisi dal medico.

    Anche se le recidive compaiono più spesso entro sei mesi dall’intervento, i controlli devono essere ripetuti anche a distanza di tempo perché può accadere che le recidive non appaiano prima di un anno o anche più tardi, nonostante per esempio un esame ecografico di controllo negativo a sei mesi.

    La decisione di eseguire un nuovo intervento su di una recidiva viene presa dal medico in base alla reale necessità, all’età del paziente e alla persistenza di alcuni parametri alterati, come il grado di asimmetria del volume testicolare, la dimensione ed il grado del varicocele ricorrente e la persistenza dell’alterazione del liquido seminale o del dolore testicolare.

    La tecnica verrà decisa a seconda della tipologia del primo intervento eseguito e di alcune caratteristiche del varicocele recidivante o persistente. L’intervento di tipo radiologico e quello in microchirurgia sembrerebbero riportare ottimi risultati di riuscita.

    Difficile certamente è stabilire come prevenire ed evitare una recidiva di varicocele, in quanto molti sono i fattori scatenanti, alcuni dei quali non valutabili e su cui non si può agire, come la propria predisposizione ad avere vene varicose. Sicuramente è buona norma evitare attività fisica, soprattutto sportiva, che richieda importanti sforzi addominali, come il sollevamento pesi.

    daniele.gianfrilli@vitachenasce.org

     
    Top
    .
0 replies since 11/9/2011, 13:27
 
.